DIFFERENZE TRA LE AZIENDE E AGEVOLAZIONI SULLE CASE IN LEGNO

DIFFERENZE TRA LE AZIENDE E AGEVOLAZIONI SULLE CASE IN LEGNO

Buon giorno Architetto ho letto molti dei suoi articoli e devo ammettere mi sono stati molto utili nel valutare i vantaggi delle case in legno prefabbricate.
Vorrei sapere se puoi aiutarmi a sciogliere ulteriori quesiti.
Siamo bombardati da molte proposte di aziende nel settore; cosa differenzia (oltre al prezzo) l’una dall’altra??


Il mercato delle case in legno sta indubbiamente cambiando.
Sino a pochissimi anni fa si poteva scegliere tra poche aziende, in genere tedesche o austriache.
Le poche alternative italiane si trovavano in Trentino-Alto Adige, regione tradizionalmente legata al legno come materiale da costruzione.
Pur non assistendo ad una vera e propria esplosione del settore, l’evoluzione dell’edilizia nella direzione del miglioramento delle prestazioni energetiche e del minore impatto sull’ambiente delle costruzioni in tema di emissioni, utilizzo di energia per la realizzazione, riciclo dei materiali, ha portato ad un notevole interesse verso le case prefabbricate.
Molti soggetti appartenenti al settore delle strutture in legno (ma anche segherie e falegnamerie) hanno iniziato a realizzare case, così come tecnici o imprese di costruzioni tradizionali si sono inserite nel mercato, importando dall’estero o appoggiandosi a ditte locali.
Scegliere un’azienda di case in legno affidabile non è sempre facile, ma qualche suggerimento (…) credo di averlo fornito con oltre 370 articoli già pubblicati sul blog.


Quali sono le nuove tecniche da richiedere?


Non credo molto alle nuove tecniche.
Le case in legno devono durare nel tempo, isolare dal caldo, dal freddo e dal rumore, utilizzare materiali naturali.
L’azienda deve fornire adeguate certificazioni e marchi di qualità, garanzie costruttive tempi di realizzazione e costi certi, supporto al cliente prima, durante e dopo la fine dei lavori.
Telaio o xlam? EPS o lana minerale? Pvc o legno-alluminio?
Affidatevi ad un tecnico preparato che vi sappia supportare in queste scelte, ma non sono queste le priorità.


Il costo di una casa prefabbricata chiavi in mano, sembra aggirarsi intorno le 1.100,00 euro, quanto incide il costo delle pratiche necessarie permessi e platea?
Le case prefabbricate, oltre ad i vantaggi (non pochi) dei bassi consumi, dei costi certi, della velocità di realizzazione , consentono anche di ottenere delle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico!?!?


1.100 €/mq è un po’ pochino per le case in legno a basso consumo.
E’ molto più realistico pensare a 1.400 €/mq per un chiavi in mano, corredato di impiantistica moderna ed efficiente e finiture di buon livello.
I costi accessori non sono pochi e comprendono la platea (o scantinato), i costi tecnici, e gli oneri comunali, senza dimenticare le aliquote IVA.
La determinazione di tali spese va fatta caso per caso (soprattutto per gli oneri) e non è di semplice determinazione.
Non sono rari i comuni che concedono bonus volumetrici e sconti sugli oneri in presenza di un significativo risparmio energetico, certificato dall’attestato di qualificazione energetica.

1 Commento

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *