LE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO TEMONO L’UMIDITA’?

LE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO TEMONO L’UMIDITA’?

MOLTE ZONE DEL NOSTRO PAESE PRESENTANO NOTEVOLI TASSI DI VAPORE D’ACQUA PER LUNGHI PERIODI DELL’ANNO.
COME SI COMPORTANO LE CASE PREFABBRICATE DI FRONTE A PERSISTENTI CONDIZIONI DI UMIDITA’ E CHE RIMEDI SI POSSONO ADOTTARE PER UN’EFFICACE PROTEZIONE DELLE CASE IN LEGNO?

Gentile Architetto Crivellaro, ho una casa prefabbricata costruita 2 anni fa sulle colline del lago di Garda. Il problema che si presenta oramai da 2 inverni è l’elevato tasso di umidità (60-68% in inverno, misurata da uno strumento elettronico), troppo alto per una casa di legno .
Ho fatto presente il tutto alla ditta di case prefabbricate, la quale mi consiglia di inserire la ventilazione meccanica controllata (quando ho acquistato la casa non ne hanno nemmeno accennato).
Ora, poiché il problema è evidente, mi dicono che la zona è troppo umida, consigliandomi questo apparecchio.


case prefabbricateIn presenza di umidità costante, la casa va progettata accuratamente.
Dovrebbe essere cura del tecnico, prima ancora che della ditta di case prefabbricate, la scelta della tecnica costruttiva più efficace per la protezione della struttura e degli isolamenti.
Rispondo innanzitutto (un po’ brutalmente) alla sua richiesta con una domanda: dove era il suo architetto quando ha scelto di costruire con questa ditta?
Le aziende di case prefabbricate in legno dovrebbero offrire un servizio di consulenza al cliente adeguato e suggerire la soluzione realizzativa più adeguata alla zona ed efficace rispetto alle specificità bioclimatiche e, tuttavia, il ruolo del tecnico è fondamentale nelle scelte tecnico-costruttive e non dovrebbe per nessun motivo ricadere sul solo committente.
In taluni casi si deve sconsigliare di costruire l’edificio come casa prefabbricata o suggerire un pacchetto di materiali non igroscopici ed adeguatamente protetti all’esterno (magari maggiorando lo spessore del cappotto esterno).

Quanto alla ventilazione meccanica controllata a recupero di calore, si tratta di un sistema impiantistico il cui scopo è primariamente il ricambio completo dell’aria interna all’edificio, minimizzando le dispersioni termiche.
Un positivo effetto collaterale è certamente il mantenimento di un tasso di umidità sempre accettabile, in quanto l’umidità in eccesso viene espulsa all’esterno.
Vi sono impianti piuttosto sofisticati che permettono di raffrescare e deumidificare l’aria efficacemente, ma in genere la ventilazione consente una perfetta gestione del microclima interno delle case prefabbricate, a fronte di un costo di investimento non eccessivo, bassi consumi energetici e minime manutenzioni.
Un impianto di questo tipo si dovrebbe però installare inizialmente e non dopo le finiture, in quanto l’intervento si rivela piuttosto invasivo se effettuato a posteriori.
Nel caso specifico del lettore, bisognerebbe conoscere la fonte del problema innanzitutto (dando per scontato che non si tratti di un sistema “blockhaus”).
Si tratta solo di umidità ambientale o proveniente anche da fonti interne all’abitazione (acqua sanitaria o vapore prodotto con la cottura dei cibi).

Sono presenti barriere o freni al vapore all’interno delle pareti esterne?
Il tetto è ventilato?
Viene effettuato un regolare ricambio d’aria attraverso l’apertura manuale dei serramenti?
Che isolante è presente all’interno della parete (fibre di legno, lane minerali)?
Il cappotto esterno è traspirante e che spessore ha?
L’impianto di riscaldamento è a radiatori o a pavimento?
Potrebbe essere comunque utile installare un impianto di deumidificazione o accendere di tanto in tanto un piccolo deumidificatore, soprattutto d’inverno. Anche un eventuale camino (o stufa) consentirebbe di abbassare drasticamente il tasso di umidità dell’aria, producendo un calore economico e piacevole per tutta l’abitazione.

4 Commenti

  1. Avatar
    Anonymous maggio 05, 2010

    domanda forse stupida, ma questo non e’ un caso in cui si puo’ far valere la garanzia trentennale delle case prefabbricate?

  2. Avatar
    Anonymous giugno 03, 2010

    ci fosse un costruttore che regalasse una casa ad una come me con sei figli dato che non avro mai una casa mia e la mia rabbia e che ho la certezza che chi puo non da mai ne si pone il problema che potrebbe cambiare in meglio la vita di chi ogni giorno lotta come me per pagare l’ affitto di una casa che non sara mai la mia .Chi sogna una casa tutta sua come me.ciao e chi sa che succeda un giorno un miracolo

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *