Architetto Paolo Crivellaro
Il Blog
Dell'Architetto
Paolo Crivellaro
ESPERTO IN BIOEDILIZIA
CASE ECOLOGICHE IN LEGNO: I PARTICOLARI CHE CONTANO NEL GREEN SU MISURA

CASE ECOLOGICHE IN LEGNO: I PARTICOLARI CHE CONTANO NEL GREEN SU MISURA

Il tema delle case ecologiche non è più una novità: se ne parla in lungo e in largo, in ogni rivista o blog di settore. La sensibilità green, il rispetto per la natura e la crescente volontà di risparmio energetico ha portato in alto l’idea di case ecologiche in legno, capaci di rispondere ad uno stile di vita naturale e sano.

Eppure c’è un’accortezza da avere ogni volta che se ne sente parlare. Siamo realmente sicuri che all’idea green corrisponda sempre una proposta all’altezza?
Come architetto e abitué del settore vi dico che spesso il mercato offre progetti che “sanno di” ecologico ma che alla fine non porta i vantaggi (e i risparmi) che lo contraddistinguono.

Per aiutare chi è interessato ad avere una casa in bioedilizia, vi illustro quali aspetti valutare per scegliere solamente case ecologiche in legno che rispondono a questa definizione.

La struttura naturale delle case in legno

Abitazione in legnoUna casa ecologica la si vede prima di tutto dalla struttura. Oltre ad usare materiali naturali, si preoccupa di avere un’alta resistenza termica che permetta un ottimo isolamento e quindi il risparmio energetico.

Le strutture a telaio sono le più affidabili, costruite secondo precisi sistemi tecnici in laboratori specializzati di produzione. Hanno travi massicce lamellari di vario spessore chiuse da pannelli in truciolato di legno, che servono per rinforzare la parete e racchiudere l’isolante. Il rivestimento interno può invece essere in cartongesso o (per i più puristi) in legno, mentre l’esterno viene completato con cappotto termico.

La struttura consente così un risparmio energetico efficace, tenendo sempre in considerazione l’aspetto naturale che si dimostra non solo nei materiali utilizzati ma anche nel processo produttivo. Questo metodo per la costruzione di case ecologiche in legno a telaio infatti comporta aspetti non indifferenti alla filosofia green:

  • l’ottimizzazione della produzione industriale, quindi con minori sprechi energetici di produzione;
  • l’impiego ridotto di materiali;
  • l’utilizzo di risorse rinnovabili e materiale ecologico a basso impatto ambientale;
  • la facilità di smaltimento, prima e dopo la costruzione.

Il risparmio energetico nelle case in legno

Spazio PositivoCiò che rende una casa ecologica è senz’altro la sua capacità di usare solo l’energia necessaria per assolvere a tutte le funzioni di un’abitazione, senza perdite o sprechi.

In generale questo aspetto viene garantito in primis dalla materia prima utilizzata, cioè il legno. Come isolante naturale, è in grado con la sua struttura di mantenere separate le temperature interne ed esterne.
Già questo fa comprendere come una casa ecologica sia per definizione in legno, anche se possono esistere varianti naturali innovative che al momento non hanno però le stesse prestazioni.

Ci sono poi delle particolari tecniche di costruzione delle pareti e dei pannelli che permettono di avere un isolamento “avanzato”. È risaputo che si usa più energia per rinfrescare casa che non per riscaldarla, per questo alcuni (ancora pochi) produttori oltre a sfruttare i vantaggi naturali del legno ottimizzano determinati elementi della casa per eliminare le dispersioni di calore ed evitare il surriscaldamento della casa.

Ancora migliori sono poi le soluzioni costruttive che tengono conto anche delle caratteristiche climatiche del luogo in cui sorgerà la casa. Temperature stabili piuttosto che grandi sbalzi termici nei diversi periodi dell’anno influiscono ragionevolmente sulle prestazioni energetiche, perciò è bene valutare anche la disponibilità di diversi pacchetti energetici durante la ricerca della vostra casa ecologica.

Gli impianti che permettono di produrre e risparmiare energia

Dopo la struttura, sono gli impianti energetici a rendere una casa ecologica. Mentre la prima permette di mantenere il benessere interno all’abitazione in modo costante nel tempo, i secondi sono la fonte di energia green che permette di avere autonomia e ottimizzazione energetica.

Oggi l’installazione del fotovoltaico è previsto per legge nelle nuove abitazioni e molti lo ritengono un investimento aggiuntivo. Per chi desidera abitare una casa ecologica, invece, questa è solo la partenza. A un impianto fotovoltaico, infatti, si devono affiancare anche impianti solari, pompe di calore, sistemi di raffrescamento e riscaldamento. Questo sistema integrato comporta sicuramente un investimento iniziale, ma permette poi una sostanziale autonomia energetica dell’intero nucleo abitativo.

Le proposte più complete prevedono in generale quattro diverse soluzioni, in base alle necessità della casa e della famiglia che la abita.

  1. Impianto classico, integrato con fotovoltaico e solare termicoPer il riscaldamento dell’acqua sanitaria viene installata una classica caldaia a gas, che con questa sua funzione mantiene anche la temperatura termica interna attraverso il riscaldamento a pavimento. La distribuzione del calore (o del fresco) che si crea viene invece gestita da un impianto di ventilazione meccanica controllata (VMC), il quale mantiene anche ossigenati e salubri tutti gli ambienti. In caso di necessità, sono solitamente predisposti gli allacciamenti per gli split di condizionamento, a supporto dell’areazione.
  2. Impianto per il massimo sfruttamento della produzione elettricaGrazie alla produzione di energia elettrica con impianto fotovoltaico, la caldaia a gas viene sostituita da una pompa di calore elettrica che riscalda l’acqua sanitaria e anche gli ambienti attraverso il riscaldamento a pavimento. Per la deumidificazione sono predisposti gli split di condizionamento e per il ricircolo dell’aria rimane costante l’impianto di ventilazione meccanica controllata.
  3. Impianto integrato per il controllo dell’umiditàIn sostituzione degli split di condizionamento, la pompa di calore è affiancata da una batteria di deumidificazione appositamente integrata per eliminare l’umidità interna. Gli ambienti vengono riscaldati o raffrescati da un impianto di riscaldamento a pavimento, mentre per il ricircolo dell’aria troviamo sempre la ventilazione meccanica controllata.
  4. Sistema termico di ventilazione senza riscaldamento a pavimentoLa pompa di calore principale si concentra in questo caso sulla regolazione della temperatura diretta dell’aria, con bocchette integrate nelle pareti. Il controllo dell’umidità è in questo modo centralizzato, mentre una seconda pompa di calore si occupa del riscaldamento dell’acqua sanitaria. Il ricircolo dell’aria viene infine garantito dalla ventilazione meccanica controllata.

La sicurezza di case ecologiche passa anche dalle certificazioni

Infine, dopo questa carrellata tecnica, vi consiglio di dare anche alle certificazioni la giusta importanza. Per ottenere un certificato, infatti, i costruttori sono tenuti ad avere determinati livelli di qualità, sotto diversi punti di vista.

Purtroppo non esiste una certificazione globale per le case ecologiche, ma per valutarne l’affidabilità e la qualità si possono tenere presenti alcuni enti certificatori.
Per la costruzione in legno e la qualità dei materiali sicuramente è importante che sia presente il marchio PEFC, che in un’ottica green dà anche la certezza di un materiale reperito nel rispetto di una gestione forestale sostenibile.
Per quanto riguarda la struttura delle case in legno, invece, si può fare affidamento a Lignus, l’Associazione nazionale per le case prefabbricate in legno. I suoi membri sono certificati in modo dettagliato e rigoroso dalle fasi di produzione alla realizzazione finita. Un altro certificatore in questo senso è ARCA, che offre una garanzia per quanto riguarda anche le prestazioni antisismiche ed ignifughe delle case in legno oltre che di risparmio energetico.
Per le questioni legate all’ottimizzazione energetica, invece, il certificatore di riferimento e CasaClima, che conferisce ad alcune imprese costruttrici di case in legno il titolo di consulente in grado di attenersi alle indicazioni ottimali di risparmio energetico.

Vuoi votarlo ?
Immobilgreen.it: oltre 500 modelli di Case prefabbricate in Legno a Catalogo. Richiedi prezzo di costruzione delle case in bioedilizia

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *


chiudi