INCONTRARE I COSTRUTTORI CONVIENE

INCONTRARE I COSTRUTTORI CONVIENE

QUEST’ANNO NON SONO RIUSCITO A VISITARE LA FIERA KLIMAHOUSE, MA AVENDOVI PARTECIPATO SPESSO HO RITENUTO SI POTESSE FARE UN’ECCEZIONE. PER CHI SI ACCINGE A COSTRUIRE UNA CASA IN LEGNO LA FIERA DI BOLZANO RESTA COMUNQUE UN’OTTIMA OPPORTUNITA’

Ricevo e pubblico, da parte di un lettore della Guida alle case prefabbricate:


Egregio Architetto, ieri sera sono tornato da Bolzano, dove ho vissuto per due giorni un’esperienza unica, che non dimenticherò.
Non è stato solo un percorso semplicemente informativo, ma la presa d’atto di un nuovo modo di costruire, che obbliga tutti gli attori (ditte ed clienti) ad una sempre maggiore presa di coscienza di cosa significhi “abitare” e di tutti i suoi aspetti.
Devo precisarLe che sono ingegnere (in pensione), anche se ho svolto la professione di progettista edile solo nei primi 10 anni di vita lavorativa, cioè fino a 30 anni fa, dedicandomi ad altro mestiere (imprenditoriale) nel resto della mia vita lavorativa.
Mi trovo oggi a questa particolare esperienza, solo perché ho deciso di costruire – alle porte di Firenze – un immobile per i miei figli e desidero che sia un buon investimento sotto tutti i profili, non ultimo quello della bellezza architettonica.
Al Klimahouse ho visitato lo stand di 7 ditte di costruzione, di cui sei ricavate dal Suo portale (nel link Area Aziende) ed una conosciuta in Fiera. Esse sono:

-         Rubner Haus
–         Schworer Haus
–         Biohaus
–         Nordhaus
–         Biohabitat
–         Log Haus
–         Domus Gaia

Tra queste dovrò scegliere 3-4 ditte alle quali sottoporre la richiesta di preventivo, seguendo procedura, che è stata non solo approvata ma concordemente apprezzata:

1)    Redazione di un progetto di massima da parte del mio tecnico, attenendosi ai dati di PRG;

2)    Redazione di un capitolato, che definisca esattamente la qualità e le caratteristiche minime del manufatto edilizio e degli impianti (in questa fase non potremo non consultare le ditte stesse, in modo da convenire su un capitolato concordato);

3)    Richiesta alle 3-4 ditte del preventivo, che si baserà sul progetto di massima ma variato secondo le esigenze tecnico-economiche di ogni ditta (spessori pareti interne ed esterne, frecce solai ottimali,…);

Sarà necessario che il preventivo sia diviso almeno nelle seguenti parti:
–         Offerta di prestazioni professionali (ci sono ditte che ritengono necessario accollarsi alcune prestazioni);
–         Esecuzione del piano interrato e delle fondazioni (ci sono ditte che lo propongono sostenendone anche l’economicità);
–         Grezzo avanzato (specificandone dettagliatamente le caratteristiche);
–         I vari impianti (separatamente indicandone la ditta produttrice e le caratteristiche);
–         Eventuali opzionals o alternative consigliate;
–         Modalità di pagamento;
–         Garanzie e certificazioni.

4)    Decidere la ditta, stabilendo con esattezza il preventivo definitivo, che sia fisso fino ad approvazione del progetto;

5)    Redazione del progetto, da presentare in Comune per l’approvazione, seguendo le precise indicazione della ditta costruttrice;

6)    Firma del contratto (tenuto conto di eventuali variazioni richieste dal Comune) ed inizio lavori appena approvato in progetto.

Non entro nel merito di tutte le problematiche affrontate con i responsabili delle varie ditte, che hanno esposto anche tesi diverse.
Non mi resta che continuare a frequentare il suo portale, per il quale Le rinnovo i miei complimenti.
Data la distanza della città di Firenze dalla Sua sede, dopo aver letto i Suoi numerosi e comprensibili dinieghi ad assumere incarichi professionali così distanti, mi sono guardato dal proporgli un’eventuale e gradita collaborazione.
Direi però che dovrò saper soppesare attentamente le caratteristiche dell’incarico da dare al tecnico di mia fiducia, avendo trovato tra le ditte interpellate un gran desiderio di svolgere le prestazioni in toto, fino anche alla DL.
Sicuramente il mio tecnico di fiducia avrà il compito “sacrosanto” di curare i miei interessi controllando ogni fase di progettazione ed esecuzione.

1 Commento

  1. Avatar
    Pierpaolo Bruno marzo 06, 2016

    Anch’io come lettore della guida, alla ricerca di maggiori informazioni sugli aspetti conseguenti alla scelta di costruire una casa in legno, mi ero ripromesso di partecipare alla fiera klimahouse di Bolzano. Ma vuoi per la distanza, vivo a Potenza – Basilicata, vuoi per altri impegni, non ho potuto parteciparvi. Trovo l’esperienza dell’Ingegnere molto interessante perché elenca, punto per punto e per priorità, i vari passaggi che dovrebbero essere fatti quando ci si appresta ad un passo importante come la realizzazione di una casa in legno. Il Sud, nonostante la distanza dalle sedi delle ditte più importanti nel settore, ha visto un incremento del settore costruzioni in legno. Sono infatti sempre di più le famiglie che scelgono di realizzare una casa in legno…come me, che sono possessore di un terreno edificabile sul quale ho un progetto concepito per struttura classica ma, credo, facilmente mutuabile per quella in legno. Ad oggi ogni informazione in più che recepisco su questo blog mi ritorna utile cosi come il libro. Grazie

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *