I VANTAGGI DELL’INTERLOCUTORE UNICO NELLE CASE DI LEGNO

I VANTAGGI DELL’INTERLOCUTORE UNICO NELLE CASE DI LEGNO

LA REALIZZAZIONE DI UNA CASA PREFABBRICATA CHIAVI IN MANO CONSENTE DI ASSEGNARE LA MAGGIOR PARTE DEI I LAVORI AD UN’UNICA DITTA, CHE ANDRA’ PROBABILMENTE AFFIANCATA DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE TRADIZIONALE.

Buongiorno Architetto, ho letto già due volte la sua guida alle case in legno che ho trovato interessante e utile per un profano come me.
Vorrei comprendere una cosa che non mi è chiara. Lei scrive che uno dei vantaggi delle case prefabbricate è il referente unico, ma ho anche capito che servirà comunque una ditta per l’interrato e che i professionisti non sono legati a chi costruisce, ovvero un sacco di figure……
E’ possibile avere un unica ditta che si occupi di ogni cosa? Navigando su internet ho trovato qualche costruttore che a parole offre “tutto”, ma non vorrei che ci fossero fregature rispetto alle grandi aziende “famose” che mi hanno detto che non costruiscono i cementi.

Ho abbastanza confusione in testa, mi darebbe una mano? Grazie e complimenti.


Io stesso ho evidenziato uno dei vantaggi delle case prefabbricate in legno nella possibilità di affidare i lavori di costruzione chiavi in mano ad un unico interlocutore, inserendo in contratto (quasi) tutto.
In effetti le ditte del legno grandi (soprattutto) e piccole (con le dovute eccezioni) sono costruttori del settore legno e non hanno nulla a che fare con i sistemi costruttivi tradizionali in laterocemento.
La maggior parte di loro limita l’offerta alla porzione fuori terra dell’edificio, escludendo scavi, fondazioni, interrati ed opere esterne, anche se ultimamente è sempre più facile reperire aziende italiane che accontentano il cliente completando il pacchetto con le opere da impresa in cemento armato, pur trattandosi comunque di lavori dati in subappalto a ditte e lavoratori collegati o del posto.
Tale modalità operativa comprende inoltre quasi sempre gli impianti e le finiture, dato che le falegnamerie non si occupano direttamente di progettazione, caldaie o massetti, ma affidano tali opere a terzi.

Un livello chiavi in mano completo di fondazioni consente al committente un controllo dei costi davvero accurato, dato che il prezzo viene preventivato con le modalità tipiche delle ditte di case prefabbricate, garantendo un importo certo e bloccato, senza extra e sovrapprezzi in corso d’opera.
Tale certezza dei costi può comportare un certo rincaro generale da parte del costruttore, comunque di modesta entità, giustificato dall’assunzione di responsabilità.
Se l’obiettivo è il massimo risparmio l’interlocutore unico non è la scelta più indicata, mentre è l’opzione più adatta se si vuole avere la certezza della spesa e dei tempi di realizzazione.

Un capitolo a parte è quello relativo ai molti professionisti previsti per normativa che coprono le varie mansioni tecniche obbligatorie (e in molti casi necessarie) come il progettista, il direttore dei lavori, lo strutturista, il geologo, i coordinatori della sicurezza, il collaudatore statico, il certificatore energetico…..
Alcuni piccoli costruttori sono geometri o architetti che hanno aperto una attività di impresa costruttrice di case in legno ed hanno mantenuto un “core” nella progettazione, offrendo ai propri clienti i propri servizi inclusi nel contratto.
Personalmente consiglio di affidare gli incarichi a professionisti non direttamente collegati al costruttore, esclusi i casi in cui tale scelta può comportare davvero un valore aggiunto, al fine di garantire la neutralità delle decisioni a favore del proprio committente, evitando conflitti di interesse.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *