CASE PREFABBRICATE IN LEGNO “ANTILADRO”

CASE PREFABBRICATE IN LEGNO “ANTILADRO”

PUBBLICO UN’INTERESSANTE TESTIMONIANZA DI UN LETTORE CHE VIVE DA ANNI IN UNA CASA IN LEGNO, A DIMOSTRAZIONE DELL’ELEVATO GRADO DI SICUREZZA DI QUESTE ABITAZIONI, SE VENGONO PRESE LE DOVUTE ACCORTEZZE.

Ciao Paolo, come sai abitiamo da oltre due anni in una casa in legno tra le colline in provincia di Novara, anche grazie ai tuoi preziosi consigli.
Siamo davvero contenti e non torneremo mai indietro, anche perchè spendiamo davvero poco di bollette grazie alla pompa di calore con i pannelli fotovoltaici che abbiamo sul tetto.
L’unico dispiacere è di non avere previsto la VMC, ma abbiamo dovuto tagliare sui costi, dato che i soldi erano finiti – oltre a molte sistemazioni esterne, un giorno finiremo anche quelle……
Venendo al punto, circa un anno fa abbiamo avuto una visita sgradita da parte dei ladri che hanno tentato di entrare in casa da più punti. Premetto che abitiamo in una zona isolata e che sapevamo che la casa era a rischio …. visite. Difatti abbiamo preferito montare infissi con molti punti di chiusura e vetri blindati al piano terra.

Probabilmente hanno avuto abbastanza tempo per tentare di entrare, ma non sono riusciti, pur causando parecchi danni. Due finestre sono state forzate con un piede di porco e una vetrata della sala è stata martellata con una mazza. Per fortuna l’assicurazione ha coperto quasi tutto e ce la siamo cavata con la franchigia.
Se fossero riusciti ad entrare avevamo parecchie cose da rubare, come tappeti di famiglia, argenteria, televisori e gioielli.
Dopo questa esperienza abbiamo installato un allarme volumetrico tanto all’esterno quanto all’interno e questo ci ha permesso di evitare ulteriori danni, dato che sono tornati in azione a dicembre e a marzo di quest’anno.
In tutti i casi l’allarme ha suonato e non sono stati riscontrati tentativi di scasso, per fortuna.
Volevo solo rassicurare i lettori del tuo blog che credono che una casa in legno si possa tagliare con una motosega ed entrare facilmente. La nostra abitazione è solida come una in muratura e sicura, grazie alle finestre blindate ed ai sensori dell’allarme.


Grazie per la testimonianza.
La solidità delle moderne case in legno a basso consumo energetico è evidente a chiunque abiti questi edifici.
Al pari di qualsiasi altra abitazione è possibile integrare la dotazione standard con accorgimenti e dispositivi di sicurezza, prevedendo un miglioramento del sistema di chiusura degli infissi esterni con cerniere aggiuntive e l’adozione di vetri di sicurezza e/o blindati e l’applicazione di inferriate (brutte, ma efficaci).
E’ inoltre possibile inserire dei sensori a contatto su finestre e porte finestre che entreranno in azione a fronte di un chiaro tentativo di effrazione.
Il metodo migliore, tuttavia, resta quello di bloccare i ladri all’esterno installando un sistema di allarme volumetrico esterno perimetrale, in grado di rilevare la presenza degli sgraditi visitatori, bloccandone in tempo ogni tentativo di scasso ed evitando eventuali danni alla costruzione.
Ribadisco infine l’infondatezza di ogni timore realtivamente alla possibità di ingresso di ladri in grado di tagliare le pareti esterne mediante motosega (che fa molto film “horror”, ma appare abbastanza improbabile nella realtà).

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *