REPERIRE INFORMAZIONI PER REALIZZARE UNA CASA DI LEGNO

REPERIRE INFORMAZIONI PER REALIZZARE UNA CASA DI LEGNO

SE SIAMO INTERESSATI A COSTRUIRE UNA CASA PREFABBRICATA IN LEGNO, LA RICERCA INFORMAZIONI DOVREBBE SEMPRE PRECEDERE QUALSIASI DECISIONE, MA NON E’ SEMPRE SEMPLICE CAPIRE DA DOVE INIZIARE.

Buongiorno, volevo chiederle informazioni su come muoversi per costruire una casa in legno da circa 100 mq su un piano.
Volevo sapere a chi rivolgermi visto che sono di Rimini, i costi le procedure ecc.
Non sono pratico di queste cose ho dato un’occhiata a vari siti di aziende che costruiscono case in legno come **** e altre, ma non so come fare per informarmi e chi evitare per non prendere una fregatura.
Poi se sono sicure, se si risparmia davvero ecc. Grazie per l’attenzione.


Banalmente, inizierei dalla lettura del mio libro, facilmente reperibile in libreria (anche da Leroy Merlin) o via web, Amazon compreso.
La “Guida alle case di legno” non pretende di essere un testo perfetto, ma rappresenta a mio avviso un ottimo punto di partenza, più che sufficiente per farsi una buona infarinatura di base.
Ricordo al lettore che questo blog ha raggiunto il traguardo di 700 articoli pubblicati ed anche quelli meno recenti sono abbastanza attuali, pur avendo modificato il mio punto di vista rispetto ad alcune tematiche.
I costi da sostenere per la costruzione di una casa in legno sono molteplici e non sempre chiaramente esposti da parte dei costruttori del settore.
Mi limito a ricordare che, oltre alla spesa dell’edificio fuori terra chiavi in mano, vanno considerate le parcelle dei professionisti, da sommare agli oneri da versare al Comune e alle spese per la realizzazione delle fondazioni (platea/interrato), gli allacciamenti, le sistemazioni esterne (percorsi, muretti, cancelli….), oltre all’IVA di legge.

Le procedure possono variare scegliendo di rivolgersi direttamente ad uno specifico costruttore, se interessa una particolare casa a catalogo o, viceversa, incaricando direttamente un progettista.
Le due soluzioni presentano vantaggi e svantaggi, in quanto l’interlocutore unico semplifica la vita al cliente (ed è un bel vantaggio, soprattutto in un paese con un notevole carico di burocrazia come il nostro), ma limita la possibilità di scegliere delle alternative (anche economiche) o di essere seguiti da un professionista super-partes (il progettista è quasi sempre collegato all’azienda costruttrice). Di contro, i progetti a catalogo sono ottimizzati, anche termicamente e presentano prezzi interessanti, mentre non sempre i progettisti riescono a controllare nel dettaglio i costi della costruzione.
Consiglio il lettore di visitare qualche fiera e di informarsi rispetto alla possibilità di partecipare ad incontri, “open-day” e “porte aperte” in cantieri e stabilimenti, trattandosi di eventi estremamente istruttivi, mentre la generica richiesta di preventivi non sempre risulta interessante per le aziende di case in legno che tendono a rispondere un po’ … sbrigativamente (in parte, a ragione).

I nominativi sono tanti e non necessariamente le grande aziende di case prefabbricate nordeuropee risultano più indicate rispetto ad una buona ditta italiana, anche se esperienza e competenza (unitamente ad un elevato standard costruttivo) sono innegabilmente un valore aggiunto.
Le case prefabbricate in legno sono edifici sicuri e durevoli, scegliendo una ditta costruttrice affidabile ed un professionista serio e preparato, ma questo non sempre va d’accordo con il risparmio a tutti i costi (concetto che ribadisco spesso e di cui sono sempre più convinto).
Il risparmio rispetto alla muratura tradizionale è abbastanza evidente in quanto è possibile raggiungere elevati valori di isolamento termico (e di conseguenza abbassare al minimo le bollette energetiche). Le costruzioni in muratura superano a fatica la classe B e comunque il prezzo da pagare è adeguato e quasi sempre superiore a case in legno in classe A di pari caratteristiche.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *