TEMPI MINIMI PER COSTRUIRE IN LEGNO

TEMPI MINIMI PER COSTRUIRE IN LEGNO

UNO DEI PRINCIPALI VANTAGGI DELLE CASE PREFABBRICATE E’ LA RIDOTTA TEMPISTICA DI COSTRUZIONE, INFERIORE DI PARECCHI MESI RISPETTO AI CANTIERI IN MURATURA TRADIZIONALE.

Carissimo Architetto Crivellaro, vorrei innanzitutto complimentarmi per l’incredibile lavoro che sta facendo da alcuni anni prima con il vecchio blog e poi con il nuovo portale, molto bello peraltro e di facile utilizzo.
Sono un suo affezionato lettore ed ho sempre pensato che sarebbe rimasto un sogno costruire la mia casa in legno, mentre siamo riusciti da poco a trasformare un lotto agricolo di proprietà di mio padre in edificabile, anche se con una cubatura bassissima (indice 0,30 per un totale di 400 mc).
Non ho alcun dubbio se costruire o no in legno, ma sarebbe opportuno non superare la fine di maggio 2015 per il termine dei lavori per motivi un po’ complicati da spiegare che le risparmio.
Ad oggi non esiste un progetto, ma un mio amico ingegnere mi ha detto che non dovrebbe essere troppo difficile da sviluppare in poco tempo, tuttavia non so se riusciremo comunque a rispettare le tempistiche (sarebbe molto importante…..).
Secondo lei è fattibile ed eventualmente ha qualche suggerimento per non perdere tempo, dato che potremo cominciare subito con il progetto?
Quali sono i tempi minimi a partire da …… oggi?
Preferirei che la risposta non fosse pubblicata. Grazie anticipatamente.


Ho già ribadito al lettore privatamente che non fornisco per scelta consulenze gratuite via mail, mentre TUTTE LE RICHIESTE a cui sarà data risposta saranno oggetto di trattazione in forma di articolo sul portale, fatta eccezione per le eventuali trattative per incarichi formali di progettazione e direzione lavori (a distanza ragionevole dal mio studio a pochi km dal casello A4 di Sommacampagna-VR).
Tenetelo presente se intendete contattarmi via mail o tramite la form contatti a disposizione sul sito.

Uno dei principali vantaggi delle costruzioni in legno a basso consumo energetico è la velocità realizzativa che comprime di parecchi mesi la durata dei lavori.
Vanno però fatte alcune precisazioni, in quanto le tempistiche fornite delle aziende di case prefabbricate risultano abbastanza ottimistiche rispetto alla realtà concreta del cantiere.
Il cammino risulta necessariamente tortuoso con passaggi obbligati abbastanza impegnativi.

Scelta dei tecnici (0-1 mesi)
I professionisti andrebbero scelti nella fase iniziale.
Se è già presente un progettista è comunque necessario dare mandato ad un geologo, ad un termotecnico, ad uno strutturista (compreso il collaudatore statico), ai tecnici della sicurezza…..
Generalmente ci si può appoggiare ad un solo studio, ma nella prassi vengono richiesti più preventivi che richiedono inevitabilmente tempo, oltre agli incontri ed alle trattative.

Stesura e presentazione del progetto (1-4 mesi)
Se scegliamo una casa in legno a catalogo è comunque necessario presentare il progetto presso i competenti uffici comunali, mentre la progettazione personalizzata richiede tempo per raggiungere un obiettivo soddisfacente, variabile in base alla capacità del progettista ed alle esigenze dei committenti.

casa in legnoApprovazione del progetto (0,5-5 mesi)
Dipende dalle modalità di presentazione.
La S.C.I.A. (segnalazione certificata di inizio attività) consente di costruire quasi subito, ma nei casi peggiori dei Permessi di Costruire con vincolo ambientale passano alcuni mesi, tenendo presente che ci possono essere liste di attesa per le Commissioni Edilizie (soprattutto per i grandi centri urbani).
Durante questo periodo è possibile recuperare un po’ di tempo nella scelta del costruttore.

Scelta del costruttore (1-3 mesi)
Paradossalmente, un progetto approvato non permette di iniziare subito i lavori.
La scelta della ditta di case prefabbricate è una fase abbastanza delicata, che inizia con i primi contatti, gli incontri ed i preventivi.
Generalmente avviene una prima selezione tra 2 o 3 costruttori e si entra lentamente nel vivo delle trattative finali che portano alla firma del contratto.

Dalla campionatura al cantiere (2-3 mesi)
Dal progetto architettonico si passa alla progettazione esecutiva, attraverso incontri tecnici e la revisione dei prezzi, scegliendo ogni aspetto della costruzione, a seconda del livello di finitura desiderato.
I passaggi sono molti e complessi e generalmente richiedono tempo, verifiche, ripensamenti che rendono estremamente incerta questo aspetto dell’iter.
Molto dipende dall’organizzazione della ditta (in questo le grandi aziende di case prefabbricate pianificano nei dettagli il processo ed accompagnano il cliente con molta attenzione nelle decisioni).
La stesura dei disegni esecutivi (compresi i cementi armati) richiede comunque un certo tempo tecnico, anche nei casi più snelli.

Il cantiere (6-12 mesi)
Finalmente iniziano i lavori, che prevedono una prima fase per la realizzazione delle fondazioni, della platea o dell’eventuale interrato (1-2 mesi).
Se la casa è prefabbricata la realizzazione in stabilimento richiede generalmente un paio di mesi per la produzione delle varie parti costituenti l’edificio e l’assemblaggio.
Il montaggio è però assai veloce (circa 1 settimana) ed il cantiere scorre veloce sino alla consegna delle chiavi (3-4 mesi).
Le strutture in xlam o comunque in opera arrivano prima in cantiere (basta circa 1 mese per la produzione e la consegna), ma l’assemblaggio richiede un tempo maggiore (1-2 mesi per chiudere il grezzo avanzato).
La durata dei lavori restanti dipende moltissimo dalle eventuali indecisioni del committente, con il massimo del vantaggio per il livello chiavi in mano e tempi incertissimi per le opere realizzate in economia.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *