I BAGNI DELLE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

I BAGNI DELLE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

PER MOTIVI TECNICI, L’IMPIANTISTICA DEI BAGNI DELLE COSTRUZIONI IN LEGNO VIENE FATTA PASSARE MOLTO SPESSO IN APPOSITI VANI E CONTROPARETI.

Salve Architetto, in fase di campionatura il costruttore ha cambiato parecchie cose rispetto al progetto dell’Architetto; questo lo sapevamo anche grazie al suo blog, ma ci siamo accorti che i bagni (soprattutto uno) sono stati “ristretti” con muretti che non erano stati previsti dal nostro progettista – che non conosceva a dire il vero le case in legno.
Anche la disposizione dei sanitari è stata in parte modificata, per “incolonnare” gli scarichi dei wc tra primo piano e piano terra.
Portiamo pazienza, ma preferivamo saperlo prima, anche perchè abbiamo dovuto restringere la doccia e non ci sta più un mobile che volevamo recuperare dalla nostra attuale abitazione.
Le risulta sia corretto o questa ditta lavora in modo diverso dalle altre?


L’alloggiamento dell’impiantistica sanitaria all’interno di pareti di installazione è abbastanza frequente tra i costruttori di case in legno e in molti casi inevitabile.
La principale motivazione è relativa alla necessità di mantenere la continuità dell’isolamento termico in ogni punto dell’involucro edilizio esterno, evitando i ponti termici dovuti all’assottigliamento dell’isolamento nei punti di passaggio delle tubazioni.
Questo vale tanto per le canne fumarie per caldaie, camini e stufe (che vanno necessariamente portate all’interno o all’esterno dei muri perimetrali), quanto per l’impiantistica idrotermosanitaria, come scarichi, sfiati ed adduzioni dell’acqua.
Le contropareti, di altezza variabile e generalmente prefabbricate, vengono addossate direttamente contro i muri del bagno in base alla disposizione di progetto e possono essere alte poco più di un metro o raggiungere il soffitto, in base alle esigenze.

I muretti possono costituire dei comodi piani di appoggio, mentre le contropareti a tutt’altezza non sono visivamente percepibili, ma sicuramente sottraggono spazio al locale.
In molti casi le tubazioni possono passare direttamente nelle pareti interne, prevedendo in questo caso una maggiorazione dello spessore del muro variabile in base al diametro delle colonne.
Le contropareti di installazione agevolano parecchio gli eventuali interventi di assistenza (per un’eventuale rottura o la necessità di modificare la disposizone dei sanitari) in quanto non risulta necessario aprire le pareti della costruzione, limitando la maggior parte del lavoro ai vani tecnici.
L’intervento risulta veloce e poco invasivo, con notevoli vantaggi su tempi e costi, anche rispetto alle costruzioni in muratura tradizionale.
A dispetto dei luoghi comuni, le case prefabbricate in legno possono essere agevolmente modificate nel corso degli anni e gli interventi non comportano eccessivi disagi per gli occupanti, grazie alla costruzione a secco.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *