SOPPALCHI E CASE PREFABBRICATE

SOPPALCHI E CASE PREFABBRICATE

IL SOPPALCO RAPPRESENTA UNA SOLUZIONE ARCHITETTONICA ABBASTANZA IN VOGA NELLE CASE IN LEGNO, CHE PERMETTE LA DILATAZIONE DELLO SPAZIO IN VERTICALE CON UN IMPATTO VISIVO SCENOGRAFICO DI NOTEVOLE EFFETTO.

Gentile Architetto, sarei interessata a sapere la sua opinione riguardo ai soppalchi che collegano PT e PP in quanto ho notato alcune case catalogo che li propongono.
Ero convinta che dal punto di vista del risparmio energetico fosse una pessima soluzione. Grazie.


Il soppalco è definibile come una superficie praticabile aggiuntiva ricavata mediante l’interposizione di un solaio, a suddivisione di uno spazio interno all’alloggio.
Negli edifici esistenti i soppalchi vengono generalmente ricavati per ampliare la disponibilità di superficie e necessitano di altezze sufficienti ad essere frazionate in due distinti piani (come nei “loft”).
Nelle nuove costruzioni il concetto di soppalco rappresenta piuttosto un artificio architettonico finalizzato alla dilatazione dello spazio interno della zona giorno e, paradossalmente, comporta non un guadagno, ma una diminuzione di superficie utile.
L’effetto percettivo di un soppalco può risultare di notevole impatto, in quanto la rimozione di una parte di solaio tra il piano terra e il primo piano, amplia lo spazio in verticale sino a raggiungere la copertura dell’edificio, raddoppiandone l’altezza.
Nelle case prefabbricate a basso consumo le dispersioni termiche di un edificio con soppalco sono trascurabili, grazie all’elevato isolamento termico dell’involucro, in quanto il volume d’aria da riscaldare complessivo è il medesimo di un edificio di pari caratteristiche privo di soppalco.

Il vantaggio è sicuramente la diversa percezione dello spazio che può raggiungere risultati di grande effetto visivo (molto dipende dall’abilità del progettista e dalla scelta dei materiali).
Nelle case in legno, un soppalco a giorno può però comportare un incremento (anche significativo) dei costi finali della costruzione, nonostante la riduzione di superficie utile, a causa della maggiore lavorazione e dei rinforzi statici necessari per sorreggere il solaio, soprattutto per le soluzioni più aeree e di grandi dimensioni.
L’eliminazione di parte del solaio superiore determina sempre un decremento della superficie utile, corrispondente all’ampiezza del “vuoto” a doppia altezza.
Le dimensioni del soppalco dovrebbero essere proporzionate all’ampiezza della zona giorno evitando di sovraccaricare la struttura portante con strutture a mensola staticamente troppo impegnative (il legno non è acciaio o cemento armato) che richiederanno inevitabilmente un adattamento strutturale con l’inserimento di pilastri, travi e putrelle.
Questa soluzione viene persino proposta da qualche costruttore di case prefabbricate in legno tra le soluzioni a catalogo di maggiore pregio e può contribuire a donare un notevole tocco di personalità all’ambiente.

1 Commento

  1. Avatar
    Ivan maggio 25, 2016

    Buongiorno avrei bisogno di un preventivo di un soppalco di misure 3,50× 2,80.Che dovrà essere adibita come camera da letto per il Bambio.Grazie in attesa di uba vostra comunicazione.Cordiali saluti Ivan

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *