DEMOLIRE E RICOSTRUIRE IN LEGNO

DEMOLIRE E RICOSTRUIRE IN LEGNO

CON LE CASE IN LEGNO E’ POSSIBILE INTERVENIRE ANCHE IN SOSTITUZIONE EDILIZIA, SENZA PARTICOLARI DIFFICOLTA’ E CON NOTEVOLI VANTAGGI SULLE TEMPISTICHE E RISPETTO AL MIGLIORAMENTO DEI VALORI TERMICI.


Ho una casa degli anni ‘50 con la cantina interrata che però fuoriesce dal terreno per circa 1 mt.
Stavamo valutando la ristrutturazione tradizionale, ma i costi risultano veramente alti, quindi abbiamo iniziato ad interessarci alle case prefabbricate in legno.
Pensavamo alla demolizione della costruzione esistente, mantenendo lo zoccolo della cantina e appoggiandoci sopra la casa in legno.
Facendo un intervento del genere, mi saprebbe dire se è una cosa fattibile e se rientra in una ristrutturazione e quindi potrei usufruire della detrazione fiscale del 50%?
Sto valutando tutti i costi e mi piacerebbe capire anche questo aspetto.


Premesso che, prima di dare giudizi di fattibilità sull’intervento, bisognerebbe attuare di persona un sopralluogo sul posto, effettuando possibilmente qualche sondaggio sulle murature per verificare le condizioni statiche della struttura dell’edificio, la mia opinione è che le case prefabbricate in legno possano in molti casi sostituire i sistemi costruttivi tradizionali in laterocemento anche per intervenire sull’esistente.
Non è da escludere che possa risultare maggiormente vantaggiosa una demolizione integrale, comprensiva della porzione interrata, considerando che siamo di fronte a strutture realizzate 60 anni fa, che potrebbero avere subito un certo degrado negli anni e comunque progettate secondo normative assai distanti dalla legislazione vigente in materia statica ed antisismica.
Le barre in acciaio (quasi sempre lisce e non nervate, come quelle attualmente utilizzate) potrebbero risultare ossidate, pregiudicando la propria capacità portante.

In ogni caso, l’intervento potrebbe risultare fattibile e presenterebbe peraltro parecchi vantaggi, in quanto le strutture in legno vengono montate a secco in tempi brevi, risultando più leggere di quelle in muratura e trasferendo pertanto un carico inferiore sulle fondazioni.
Non vanno chiaramente sottovalutati i benefici di una casa in legno sotto l’aspetto del benessere termoacustico indoor, così come il vantaggio dei costi certi, vero tallone d’Achille delle ristrutturazioni edilizie.
La demolizione dell’edificio esistente e la relativa sostituzione edilizia con una struttura prefabbricata in legno consente di raggiungere prestazioni energetiche assai elevate e sempre superiori alla semplice riqualificazione energetica, soprattutto per edifici realizzati nel dopoguerra, spesso realizzati in economia e carenti dal punto di vista termico.

Questo tipo di interventi, se vengono mantenuti volume e sagoma della costruzione originaria, gode dei vantaggi fiscali previsti sotto forma di bonus per le ristrutturazioni edilizie e le riqualificazioni energetiche, recentemente prorogate dal Governo.
Tale aspetto non è assolutamente trascurabile e permette di abbattere abbondantemente la spesa sostenuta per la ricostruzione dell’edificio, rendendo estremamente interessante quest’alternativa, a fronte di bollette energetiche future assai leggere.

3 Commenti

  1. Avatar
    Simone dicembre 29, 2014

    Salve, vorrei acquistare un rustico di circa 45mq che sorge in un terreno di circa 2000mq. Vorrei abbattere l’edificio esistente e costruire un edificio in legno di circa 160mq. Posso eseguire questo tipo di intervento?

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *