L’IMPIANTO DI ASPIRAZIONE CENTRALIZZATA

L’IMPIANTO DI ASPIRAZIONE CENTRALIZZATA

UN IMPIANTO UTILE (MA NON CERTAMENTE INDISPENSABILE) IN UNA MODERNA ABITAZIONE E’ L’ASPIRAZIONE CENTRALIZZATA, DA NON CONFONDERE CON LA VENTILAZIONE MECCANICA, INSTALLABILE SENZA PROBLEMI NELLE COSTRUZIONI ECOLOGICHE.

Cosa ne pensa del sistema di aspirazione centralizzata?
Quali svantaggi ha?
Se ha una conoscenza del settore, vorrei sapere in Italia qual’è la marca acquistabile di maggiore qualità ed affidabilità?


Buongiorno Architetto, nel complimentarmi per il libro ed il blog, mi permetto di suggerire un argomento di cui non ho trovato traccia tra gli articoli, ovvero l’impianto di aspirazione centralizzata, che vorrei installare nella mia futura casa in legno prefabbricata.


Non mi considero un esperto di aspirazione centralizzata e non posso pertanto consigliare una ditta in particolare.
Mi limito a sottolineare che questi sistemi possono sostituire efficacemente il tradizionale aspirapolvere con alcuni vantaggi.
L’impianto è costituito da un insieme di tubi e canalizzazioni che collegano il motore e il serbatoio (ubicati in un locale di servizio) ad una serie di bocchette, il cui numero dipende dalla dimensione e dallo sviluppo dell’edificio.
E’ poi in dotazione una tubazione esterna di adeguata lunghezza che andrà collegata alle prese aspiranti (dotate di sportellino di chiusura).
Per utilizzare l’impianto è quasi sempre sufficiente aprire lo sportello.
Essendo la macchina collocata in un locale apposito, l’impianto non è rumoroso come un tradizionale aspirapolvere e vi è minore possibilità di produzione di polveri ed odori nell’ambiente.

Il tubo è leggero e maneggevole, anche rispetto ad una scopa elettrica, con il vantaggio della potenza elevata e della conseguente capacità di aspirazione e di pulizia.
La pulizia del serbatoio (più capiente del tradizionale sacchetto dell’aspirapolvere) e dei filtri è un’operazione semplice e ci sono particolari “contro” da segnalare, a parte il prezzo maggiore dell’impianto rispetto ai tradizionali aspirapolvere.
Nelle case in legno è preferibile inserire tale impianto in sede di progettazione statico-esecutiva, in quanto si dovranno definire i passaggi dei tubi montanti e delle distribuzioni orizzontali dal locale tecnico sino alle bocchette di aspirazione.
Al pari di un impianto di ventilazione meccanica controllata, il sistema risulta abbastanza invasivo se non predisposto in sede di montaggio, per cui, se lo ritenete necessario, consiglio di prevederlo in sede di campionatura, evitando di intervenire pesantemente sul fabbricato negli anni successivi (in alternativa si può sempre acquistare un robot).

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *