I MOLTI PREGI DELLA VENTILAZIONE MECCANICA

I MOLTI PREGI DELLA VENTILAZIONE MECCANICA

L’IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA A RECUPERO DI CALORE E’ SICURAMENTE COMPLEMENTARE ALLE CARATTERISTICHE DELLE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO E COMPORTA NUMEROSI VANTAGGI SUL MICROCLIMA INDOOR.

A breve partirò con la costruzione della mia casa con struttura in legno.
Nella mia zona vi è un rappresentante dell’azienda XXXXXXXX e sto valutando con lui la costruzione della casa.
L’azienda esiste da molti anni e mi sembra seria, lei cosa ne pensa, ha avuto qualche esperienza o contatto?
Cosa ne pensa della qualità del montaggio e del legno impiegato (mi verrà eventualmente fornita soltanto la struttura con gli infissi e portoncino, parzialmente da finire esternamente)?


Non posso dare giudizi sulle aziende che non conosco e non mi sembra possibile giudicare un costruttore semplicemente visionando un sito internet, mi spiace.


Altra domanda, molto importante: la parete che vorrei impiegare dovrebbe avere trasmittanza 0,14 (sto valutando di utilizzare una parete da 0,10), infissi triplo vetro.
Costruendo in fascia climatica “e”, secondo lei potrebbe essere sufficiente il mantenimento/riscaldamento dell’abitazione unicamente con una ventilazione meccanica controllata con recupero di calore integrata con pompa di calore aria/acqua?
Se integrassi con una stufa a pellet da accendere nei momenti più “critici” (nella zona non c’e’ il metano)?
Gradirei qualche consiglio di massima, pur sapendo che sicuramente andrà effettuata una valutazione specifica del mio caso e che le variabili sono molte.

Secondo lei sarebbe possibile e sufficiente utilizzare solamente una macchina del genere?
Ultimo quesito: quali problematiche comporta l’impiego di una VMC?Per quanto riguarda la pulizia dell’impianto e’ necessario negli anni effettuare una pulizia dei condotti?
Come si fa?
E’ un’operazione difficoltosa?
D’estate si può impiegare la VMC o consuma troppo (e poi toglierebbe l’umidità)?
Ho già ordinato il suo libro “Guida alle case di legno” e non vedo l’ora di leggerlo, grazie.


L’impianto prospettato dal lettore mi sembra più che abbondante per un edificio con queste caratteristiche (U=0,10–0,14).
La pompa di calore aria/acqua (con pavimento radiante) è perfettamente in grado di riscaldare e raffrescare, nonché produrre acqua calda per usi sanitari.
L’abbinamento con un impianto di ventilazione meccanica, consente di gestire il microclima con grande accortezza, recuperando il calore e ricambiando l’aria interna con benefici sulla salubrità indoor e sulle bollette.
L’abbinamento con una stufa a pellet a mio avviso può costituire un sovradimensionamento eccessivo, con il rischio di scaldare eccessivamente gli ambienti a causa dell’alta inerzia del pavimento radiante, ma potrebbe andare bene per i periodi di grande freddo persistente.

Un impianto di ventilazione meccanica non richiede continue manutenzioni ai condotti, mentre andranno periodicamente puliti i filtri, soprattutto se l’edificio è costruito in prossimità di fonti di polveri o inquinamento (città, strade di grande scorrimento, industrie, cantieri edili).

Questa operazione è abbastanza semplice e non richiede l’intervento dell’assistenza, ma può essere eseguita in proprio.
A seconda del modello andranno comunque effettuate periodiche manutenzioni, come qualsiasi altro impianto e sostituiti i suddetti filtri.Il consumo in elettricità della VMC è basso in tutti i mesi dell’anno, in quanto si tratta fondamentalmente di due semplici ventilatori.
Questo impianto infine non va spento durante l’estate, ma dovrebbe essere mantenuto sempre in funzione, anche nelle ore notturne (non fa rumore).
I modelli di ventilazione più sofisticati regolano con precisione il tasso percentuale di umidità, ma l’effetto è comunque avvertibile anche senza la dotazione di centraline di controllo dell’aria, con beneficio sulla percezione del calore in regime estivo.

3 Commenti

  1. Avatar
    Anonymous dicembre 07, 2012

    Nel mio caso mi e stato proposto un sistema di ventilazione forzata con recupero di calore con integrata una pompa per riscaldare l’aria.

    questo sistema dovrebbe garantire un riscaldamento tramite la ventilazione forzata ma ho i miei dubbi.

    Mi è stata prospettata come una soluzione molto utilizzata in austria e germania ma la mia perplessità e legata al fatto che con le temperature rigide non potrebbe essere insufficiente?
    complimenti per il blog

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *