CASE IN LEGNO IN NERO

CASE IN LEGNO IN NERO

ARGOMENTO SCOTTANTE E QUANTO MAI ATTUALE.
COME FUNZIONANO I PAGAMENTI DELLE CASE IN LEGNO?

E’ POSSIBILE LIMITARE LA FATTURA AD UNA QUOTA DELLA COSTRUZIONE?

Vent’anni fa ho costruito una villetta a Brembate con un’impresa tradizionale.
Mi sto accingendo a venderla poiché mi sono convinto, anche grazie ai suoi consigli, a passare ad una casa in legno, anche per le eccessive spese per il riscaldamento e la climatizzazione della mia abitazione.
All’epoca non fu difficile fatturare una parte dei lavori, facendomi fare un sostanzioso sconto dall’impresa costruttrice.
Ho già sostenuto una spesa notevole per l’acquisto del terreno (con l’IVA al 21% – ci sono cascato in pieno).
Parlando con gli agenti ho percepito che non ci sia molta disponibilità in questo senso.
Conosce qualche ditta di case in legno che sia un po’ più elastica nei pagamenti?


Le aziende di case prefabbricate (salvo eccezioni, suppongo) sono estremamente fiscali relativamente ai pagamenti e non accettano forme di pagamento della costruzione non regolari o equivoche.
Mi spiace deludere il lettore, che forse non apprezzerà la pubblicazione non autorizzata della mail, ma la sua casa in legno verrà fatturata e dichiarata sino all’ultimo centesimo dal costruttore.
Questo vale tanto per le ditte italiane, quanto per quelle tedesche ed austriache, ci tengo a sottolinearlo.
Non sono possibili pagamenti in denaro contante e va garantita al costruttore la copertura dei costi dell’opera, mediante sottoscrizione di polizza fidejussioria con la banca che eroga il finanziamento.

Alcune aziende richiedono altre garanzie o congrui anticipi, ma la sostanza non cambia.
Ogni step di pagamento è previsto per contratto, senza deroghe o eccezioni.
Eventuali sconti possono essere concessi dal costruttore o dall’agente in fase di contrattazione e non dipendono dalla modalità di acquisto dell’edificio.
L’aliquota IVA, come per le costruzioni tradizionali, è vincolata alla situazione fiscale dell’acquirente e può essere agevolata al 4% solo per la prima casa di abitazione.

Le case in legno richiedono un terreno edificabile e vanno dichiarate regolarmente.

Chi si avvicina a queste costruzioni non deve illudersi di avere scovato un mezzo per realizzare costruzioni abusive o evadere le tasse.
I molti pregi delle case prefabbricate sono ben altri (basso consumo, prezzo certo, velocità di realizzazione, isolamento acustico, costruzione antisisimica….), ponendosi come alternativa concreta agli edifici tradizionali in muratura.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *