EDIFICI IN LEGNO DA PONTILE

EDIFICI IN LEGNO DA PONTILE

IL SETTORE DELLE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO RISCHIA DI ESSERE UN MACROCONTENITORE IN CUI CATALOGARE STRUTTURE CHE POCO O NULLA HANNO A CHE FARE CON LA CORRETTA DEFINIZIONE DI EDIFICI SOSTENIBILI A BASSO CONSUMO ENERGETICO.

Grazie per il blog, particolarmente ricco di informazioni (a breve comprerò il suo libro).

Vorrei acquistare una casa prefabbricata da montare su un pontile e poi ancorare in porto per abitarci, e quindi Le vorrei porre alcune domande:
Si può montare una casa prefabbricata su un pontone marittimo?
Conosce per caso la normativa al riguardo?
Conosce produttori di case in legno in tal senso con prezzi vantaggiosi?


Risposte brevi:
Non saprei.
No.

No.

Tentando una replica un po’ più intelligente ed articolata, mi limito a ricordare l’oggetto di questo blog.
Le case prefabbricate a basso consumo energetico sono costruzioni che combinano strutture in legno ed isolamenti termici di notevole spessore.
Sono edifici a tutti gli effetti e vanno montati su una platea di fondazione.
L’iter burocratico è il medesimo previsto per le costruzioni tradizionali in muratura ed essi necessitano di un terreno edificabile e dei necessari permessi di legge.
Devono pertanto essere autorizzate e rispettare le normative in vigore (antisismica, efficienza energetica, pianificazione urbanistica, sicurezza nei cantieri….).
Ammetto serenamente le mie lacune in materia di costruzioni su pontoni marittimi.

Alcune amministrazioni comunali consentono la realizzazione di strutture in legno, solitamente destinate ad attività turistiche o di ristorazione, mentre scarterei a priori un possibile uso abitativo.
La particolare ubicazione di questi edifici, a diretto contatto con la salsedine e l’acqua del mare, dovrebbe dissuadere gran parte delle aziende di case prefabbricate alla costruzione, non potendo garantirne un’adeguata protezione e durata nel tempo.
Mi riferisco ovviamente ai costruttori di edifici in legno a basso consumo, non escludendo l’interesse di qualche falegnameria locale.

Il cliente dovrebbe comunque accollarsi ogni responsabilità, in quanto si tratta di condizioni particolarmente usuranti per la costruzione.
Ribadisco comunque che si tratta di un applicazione particolarmente “estrema” e poco indicata per questo genere di strutture.

1 Commento

  1. Avatar
    Anonymous novembre 14, 2012

    che confusione che ha la gente informatevi, ti consiglio di andare a comprarti un capanno da pesca a Cervia……….

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *