QUALE SISTEMA COSTRUTTIVO PER UNA CASA DI LEGNO?

QUALE SISTEMA COSTRUTTIVO PER UNA CASA DI LEGNO?

LE SOLUZIONI COSTRUTTIVE REPERIBILI SUL MERCATO DELLE CASE IN LEGNO SONO IN CONTINUA EVOLUZIONE E NON E’ SEMPRE FACILE PRENDERE LA DECISIONE GIUSTA.

Sono in procinto di realizzazione di una casa in legno, ma non siamo ancora sicuri di quale sistema costruttivo sia meglio per noi.
Dovremmo costruire nelle marche in provincia di Ancona in pianura.
A noi piaceva il sistema blockhaus, ma e’ vero che con gli sbalzi termici climatici la struttura può’ subire dei movimenti?
Si può ovviare con un isolamento a cappotto e serramenti idonei?
Quale ditta può essere tra le migliori (se me ne dicesse alcune gliene sarei molto grata).
Grazie di tutte le informazioni che da a tutti quelli che si avvicinano a questa realtà.


Mi perdonino tutti i costruttori di case di legno blockhaus.
Non è mio interesse denigrare questa soluzione costruttiva, che risponde perfettamente a moltissime esigenze funzionali, non solamente nelle zone montane.
La guida alle case prefabbricate in legno si occupa di costruzioni a basso consumo energetico, che mirano ad un abbattimento delle dispersioni termiche e che, necessariamente, utilizzano pannelli isolanti leggeri di grande spessore (cappotti e/o interne alle pareti).
Tutte le considerazioni positive fatte per il legno valgono certamente anche per le costruzioni blockhaus, le cui prestazioni termiche sono necessariamente discrete, ma nulla più, nonché poco indicate per la realizzazione di edifici nelle nostre città.


Basso consumo energetico e ridotte dispersioni termiche si raggiungono con una coibentazione dell’involucro esterno dell’edificio, che deve riguardare le partizioni opache (pareti esterne e copertura), infissi e vetrate.

La presenza di ponti termici o punti deboli può abbattere fortemente le prestazioni, così come errori di progettazione legati alla forma della costruzione o all’orientamento dell’edificio.
Le svariate soluzioni costruttive a basso consumo attualmente reperibili sul mercato delle case in legno si possono suddividere fondamentalmente in due sub-categorie che prevedono una costruzione delle pareti basate su una struttura intelaiata (a pilastri) o a pannelli massicci.
E’ poi possibile individuare diverse tipologie di telaio (in opera, prefabbricato, massiccio, lamellare, con o senza controparete impianti, traspirante o con barriera al vapore, abbinate a diversi materiali isolanti).

Anche le pareti massicce possono prevedere diverse modalità di realizzazione dei pannelli, mediante incollaggio a strati incrociati (xlam) o chiodatura (mhm).

La continua evoluzione del settore offre anche soluzioni ibride tra i due sistemi costruttivi citati, innovative, ma non necessariamente più performanti.
I vantaggi ed i limiti delle diverse tipologie sono stati ampiamente trattati e mi limito a rimandare chi fosse interessato alla lettura dei relativi articoli.
Quanto ai nominativi di aziende di case in legno, il servizio divulgativo del blog non intende promuovere una ditta in particolare, ma piuttosto avvicinare chi si accinge a costruire la propria abitazione verso queste interessanti alternative costruttive.

1 Commento

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *