CONTAINER VS EDIFICI A BASSO CONSUMO

CONTAINER VS EDIFICI A BASSO CONSUMO

LE SOLUZIONI IN LEGNO SUL MERCATO SONO MOLTE E NON NECESSARIAMENTE ORIENTATE AL BASSO CONSUMO ENERGETICO, COME LE CASE PREFABBRICATE.

Ho proprio oggi scoperto il suo blog mentre me ne vagavo nel net alla ricerca di una soluzione interessante ed intelligente per accomodare il mio senso estetico al mio senso etico.
Inizialmente ero approdata nel mondo delle “case container” e debbo sinceramente dire che ne sono rimasta affascinata.
Anche a questo proposito le scrivo proprio perché, se possibile, mi dia un suo parere da esperto giacché la mia pertinenza si ferma alla progettazione ed arredo d’interni.
Le spiego subito la situazione:
Io e il mio compagno vorremmo acquistare un terreno di almeno 2000mq vista lago di Garda nel versante Veneto, sud-est, possibilmente abbastanza decentrato.

Su questo terreno avevamo idea di collocarvi un’abitazione prefabbricata.

Come le accennavo avevamo adocchiato a soluzioni come case-containers o case in legno ma ne sappiamo a riguardo poco o nulla.
Volevo capire, sia come costi che come efficienza e anche come trafile burocratiche, cosa sia più “conveniente”.
Mi piacerebbe mi spiegasse i pro e i contro e poi che mi desse un’idea del costo di ambedue le soluzioni.
Vedevo sul suo blog che una prefabbricata viene a costare all’incirca un 1400 € al mq, è corretto?

Immagino che questo costo includa la messa a terra della struttura ed escluda tutto il resto come progetto, permessi, etc..

Se potesse, in via puramente teorica, darmi un’idea del costo complessivo finale dell’intero processo, dal terreno alla casa abitabile (arredo escluso), gliene sarei grata.
Ho visto che ha scritto anche qualche post ma non ho trovato cifre tangibili, forse perché non ci sono o forse perché non ho guardato bene.
Ovviamente le chiedo un preventivo di una casa “modesta” ma carina, il più possibile ad impatto zero quindi sì ai pannelli fotovoltaici ovviamente.
Come metratura le direi un 100mq calpestabili, su per giù, garage escluso.


All’estero, soprattutto nei paesi anglosassoni, sono reperibili parecchie realizzazioni di “case container”.
Questi interventi appaiono per lo più delle sperimentazioni progettuali ad opera di giovani bioarchitetti, che delle reali alternative costruttive alle costruzioni in muratura tradizionali, ma rappresentano senz’altro delle iniziative stimolanti verso un nuovo modello di abitazione economico e sostenibile.
Nel nostro paese la realtà urbanistica, salvo eccezioni, non consente di edificare liberamente strutture non compatibili con i regolamenti edilizi comunali e le vigenti leggi nazionali (come quelle antisismiche o energetiche).
Costruire sul Lago di Garda (a me vicino e non solo geograficamente) significa rispettare i notevoli vincoli tipologici ed edilizi imposti dalle singole amministrazioni e dalla Soprintendenza a beni ambientali e paesistici, che limitano fortemente le costruzioni considerate non compatibili con il fragile contesto territoriale.

Facendo una rapida ricerca su internet con Google, si trovano parecchi articoli sulle case container, con vari link verso realizzazioni (sempre all’estero) o a siti di produttori.
Personalmente l’assenza di costruttori italiani mi fa ritenere assai difficile la realizzazione di una casa container sul nostro territorio, ma posso ovviamente sbagliarmi.
Se il nostro scopo è di costruire un’abitazione ecologica a basso consumo, in tempi veloci e a costi certi, nel rispetto delle normative e dei regolamenti, in alternativa ai consolidati sistemi tradizionali in muratura, le case inlegno rappresentano una risposta semplice e collaudata.
I costruttori di case in legno prefabbricate o in opera offrono svariate soluzioni per (quasi) tutte le tasche e la maggior parte delle esigenze abitative.
Le alternative sul mercato alle case in legno esistono, ma rischiano di complicare la vita inutilmente all’acquirente che, non possedendo una preparazione tecnica, deve fidarsi dell’azienda venditrice.
I costi delle case in legno sono stati trattati spesso, per le case container non ne ho davvero idea.

1 Commento

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *