VARIANTI EDILIZIE PER LE COSTRUZIONI ECOLOGICHE

VARIANTI EDILIZIE PER LE COSTRUZIONI ECOLOGICHE

SE IL PROGETTO ORIGINARIO E’ CONCEPITO PER UNA REALIZZAZIONE TRADIZIONALE, L’ADATTAMENTO STATICO – COSTRUTTIVO ALLA TECNOLOGIA DELLE CASE IN LEGNO RISULTA INEVITABILE.

Stiamo valutando l’acquisto di un bel pezzo di terreno con progetto già approvato per la costruzione di un edificio e saremmo interessati all’edificazione di una casa in legno di buona qualità, non molto grande, ma il progetto approvato prevede la costruzione tradizionale.
E’ possibile modificare i materiali da costruzione rielaborando opportunamente il progetto già approvato senza andare incontro alla ripresentazione di un nuovo progetto alla commissione edilizia oppure bisogna ricominciare l’iter burocratico da capo, con annesse spese?


Le aziende di case in legno sono in grado di realizzare, con minimi adeguamenti, la maggior parte dei progetti ideati per la muratura mista a cemento armato.
Il problema principale riguarda gli spessori di parete che, quasi sempre, variano parecchio.
Una parete esterna in laterizio isolato misura sino a 50 centimetri, rispetto ai 30 necessari per un muro di una casa in legno (a telaio o massiccia).
Le pareti interne, a funzione portante, presentano spessori maggiorati di circa 5 centimetri rispetto alle tramezze leggere in mattoni.
Possono inoltre essere necessarie altre modifiche, in base alle specifiche costruttive dell’azienda, ma il progetto non ne dovrebbe uscire quasi mai troppo alterato.
Una piccola variante alla concessione edilizia originaria, per esperienza, è quasi sempre indispensabile per introdurre in progetto piccole modifiche funzionali, spostare una finestra, adattare le misure all’arredamento, migliorare la distribuzione dei sanitari.

Con il massimo rispetto per il denaro della lettrice, non mi sembra certo una tragedia.

Oltretutto l’acquisto di un terreno con progetto approvato ha il vantaggio di velocizzare i tempi generali dell’intervento, non richiedendo un iter di approvazione burocratico, ma impone scelte progettuali generiche, non pensate specificatamente per chi vi andrà ad abitare.
L’adattamento alle case in legno andrà abbinato alle modifiche suddette, necessarie per personalizzare il progetto e renderlo “a misura” dell’acquirente.
I costi per una variante progettuale sono minimi rispetto ad una presentazione ex novo e possono essere spalmati sulle altre spese tecniche che il cliente dovrà affrontare per lo svolgimento del cantiere secondo normativa, che includono:

– Direzione dei Lavori

- Progetto delle strutture
- Direzione lavori delle strutture
- Piano di sicurezza e coordinamento
- Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione
- Collaudatore statico
- Accatastamento finale

Tutte queste mansioni andranno affidate a tecnici incaricati formalmente e comporteranno una certa spesa della quale, mi auguro, la lettrice dovrebbe essere al corrente, difficilmente incluse nella vendita del terreno.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *