GEOTERMIA E CASE IN LEGNO

GEOTERMIA E CASE IN LEGNO

LE POMPE DI CALORE GEOTERMICHE SONO IMPIANTI AD ALTISSIME PRESTAZIONI TERMICHE, CHE POSSONO RISCALDARE E RAFFRESCARE EFFICACEMENTE ANCHE EDIFICI DI NOTEVOLI DIMENSIONI.

E‘ da qualche tempo che cerco di reperire informazioni utili nel mondo delle case prefabbricate per costruirmi nel prossimo futuro, si spera, una soluzione abitativa di questo genere.
Mettendo a confronto gli allestimenti standard e i prezzi offerti dalle varie aziende leader del settore, soprattutto tedesche, mi sono soffermato su un’azienda in particolare che offre di “base” riscaldamento a pavimento, ventilazione meccanica controllata, tripli vetri e pompa di calore per riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitari nonchè una parete esterna con k termico di 0,15.
Il mio dubbio riguarda la geotermia come fonte di riscaldamento; da quello che ho potuto capire non si tratta della vera e propria geotermia con relativa trivellazione di un centinaio di metri ma più semplicemente di sonde che lavorano a circa due-tre metri sottoterra.

Sembra che la garanzia sia di cinque annisugli impianti.
Come giudica questo sistema? Risulta affidabile nel tempo e con quali costi di manutenzione?
Il mio tecnico mi ha messo in guardia rispetto a tempi di garanzia troppo brevi rispetto ad impianti di recente concezione.


L’impianto in questione prevede una serie di sonde geotermiche orizzontali e non è un impianto di concezione superata, anzi.
Per il funzionamento della pompa di calore rimando alla lettura degli articoli pubblicati.
Il terreno, come sorgente di energia, ha il vantaggio di subire minori sbalzi di temperatura rispetto all’aria, e il suo calore può essere assorbito per mezzo di sonde geotermiche, costituite da tubazioni a sviluppo orizzontale o verticale.
L’energia viene così convertita in calore con un rapporto fino a 1:5 rispetto all’energia elettrica necessaria per il funzionamento della pompa.

Se la sorgente di calore è il terreno di superficie, le tubazioni saranno orizzontali, interrate a una profondità di 1,5 m circa, per non risentire troppo delle variazioni di temperatura dell’aria esterna e dell’irraggiamento solare.
Questo sistema è adatto a case in legno con grandi appezzamenti di terreno a causa dell’estensione delle tubazioni, che andranno poste a una certa distanza degli edifici.
La maggior parte delle pompe di calore geotermiche utilizza il calore delle rocce del sottosuolo, mediante un pozzo nel terreno, trivellato sino a 80-100 m di profondità.
A queste profondità il calore rimane a temperatura praticamente costante tutto l’anno e può essere quindi sempre utilizzato come sorgente.
Una o più sonde geotermiche costituite da tubi in plastica vengono inserite nel pozzo e assorbono il calore tramite il ricircolo del fluido refrigerante in profondità.

Questo impianto occupa poco spazio e può essere installato anche su piccoli terreni, e anche il lavoro di ripristino, dopo avere effettuato la perforazione, è minimo.
L’alto coefficiente di rendimentodi questi impianti consente di riscaldare e raffrescare con pochissima energia elettrica, ma gli alti costi della geotermia appaiono difficilmente ammortizzabili per una singola abitazione e del tutto sovradimensionati.
La geotermia costituisce quindi un eccellente investimento qualora il fabbisogno termico comporti un’elevata richiesta di energia, come nel caso di edifici pubblici, condomini o residence, strutture alberghiere e palazzi per uffici.

2 Commenti

  1. Avatar
    Anonymous novembre 11, 2011

    Gentile Architetto,sconsiglierebbe l’impianto anche se compreso nel pacchetto standard dell’azienda,con prezzi in linea con altre ditte, per gli elevati costi di trivellazione e movimentazione terra (in caso di impianto verticale)?
    inoltre,le chiedo cortesemente per ciò che riguarda la geotermia con sonde orrizzontali se per grandi appezzamenti di terreno intende, in linea generale, superiore a 500mq di superficie. Grazie Alessandro

  2. Avatar
    Gianni novembre 11, 2011

    Ma perche investire i soldi per non puntare verso una passivehaus che si scalda/raffredda con pochissimo evitando quindi pdc/geotermia/impianti radianti ?
    tra la altro ha pure un clima piu costante.

    perchè su carta si puo pure vivere in una grotta aperta installando tanto riscaldamento e tanti conzionatori :-D

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *