FORMA E TIPOLOGIE DELLE CASE IN LEGNO

FORMA E TIPOLOGIE DELLE CASE IN LEGNO

LE CASE IN LEGNO A RISPARMIO ENERGETICO SONO UNA DIRETTA EMANAZIONE DELLA CULTURA COSTRUTTIVA DEI PAESI DEL NORD DELL’EUROPA.
LE PROPOSTE A CATALOGO DELLE NUMEROSE DITTE DEL SETTORE STANNO PROGRESSIVAMENTE COMINCIANDO AD SODDISFARE I GUSTI DEL CLIENTE ITALIANO, MA RIMANGONO PER LO PIÙ LEGATE ALLE TIPOLOGIE E ALL’IMMAGINE DELL’ARCHITETTURA D’OLTRALPE.

In realtà, le costruzioni in legno sono estremamente versatili e in grado di adattarsi perfettamente ai diversi climi del nostro paese, così come possono accontentare in pieno le prescrizioni dei regolamenti comunali e le necessità del singolo acquirente.
Non esiste praticamente alcun aspetto predeterminato, trattandosi di una semplice alternativa alle costruzioni in muratura e ai sistemi tradizionalmente utilizzati in edilizia, senza particolari barriere alla libera progettualità.
La costruzione in legno, e in particolar modo quella prefabbricata (certamente la più diffusa), si basa su un sistema produttivo altamente standardizzato, ma, eccettuati gli errori di progettazione (edifici mal concepiti staticamente), praticamente ogni edificio può essere costruito in legno.


Le case in legno sono semplicemente una tecnica costruttiva, che esige il rispetto delle proprie regole strutturali, ma che non impone modelli formali predeterminati e non possiede una propria e obbligata forma architettonica.
Chi si avvicina alle costruzioni in legno non deve commettere l’errore di forzare l’aspetto della propria abitazione adattandolo ai modelli stilistici nordeuropei, poco coerenti con il contesto architettonico delle nostre città.
Le ragioni per questa erronea convinzione risiedono nella storia e nelle origini delle case prefabbricate, che sono un prodotto della cultura costruttiva di paesi come la Svezia o la Germania, basata sul legno e sulle particolari condizioni climatiche di queste zone.
In realtà, le costruzioni in legno possono possedere l’aspetto classico dell’architettura regionale italiana o proporre soluzioni architettoniche moderne e futuribili.

Negli Stati Uniti ad esempio la strada intrapresa dalle case in legno sta andando soprattutto in quest’ultima direzione, dimostrando pienamente le potenzialità architettoniche di queste strutture, anche se la loro filosofia costruttiva si discosta parecchio dal concetto di edificio durevole ed energeticamente efficiente.
In Italia vi è poi la necessità di inserire i nuovi edifici in contesti urbani fragili e altamente vincolati, che impone il rispetto delle tipologie locali e prescrive sovente l’utilizzo di materiali lapidei.
Le profonde differenze climatiche e morfologiche tipiche del nostro paese hanno prodotto una straordinaria ricchezza di alternative tecnico-costruttive, connessa a un concetto sempre diverso di abitazione.Il tema della casa in Italia è fortemente legato ad aspetti storici e culturali, basato sull’utilizzo di materiali locali e di metodologie costruttive sviluppatesi sopratutto in risposta alle caratteristiche bioclimatiche locali (caldo, freddo, umidità, piovosità).
Il legno resta tuttavia un materiale tradizionalmente estraneo alla corporeità dei muri delle nostre abitazioni, evidenziando tutti i limiti dei sistemi costruttivi che utilizzano il legno “a vista” in facciata, difficilmente tollerate dalle amministrazioni.


Salvo i rari casi in cui siano gli stessi Comuni a precludere la realizzazione di edifici che impiegano sistemi costruttivi alternativi alla muratura, soprattutto in zone particolarmente vincolate o per interpretazione poco elastica dei regolamenti edilizi, il favorevole impatto architettonico degli edifici in legno nel contesto urbano non solleva contestazioni da parte degli uffici tecnici competenti e delle commissioni giudicanti.
Le potenzialità di impiego degli edifici in legno dimostrano una buona capacità di rispondere all’architettura urbana esistente con soluzioni tecniche versatili, in cui il legno delle strutture conviva con i materiali più tradizionali delle nostre città.
Le case in legno finite esternamente con un isolamento a cappotto intonacato sono virtualmente indistinguibili dagli edifici circostanti e possono essere ulteriormente personalizzate nell’aspetto, utilizzando elementi di rivestimento come le pietre ricostruite.

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *