UNA CONSULENZA SULLE CASE IN LEGNO

UNA CONSULENZA SULLE CASE IN LEGNO

RISPONDO PUBBLICAMENTE ALLA MAIL DI UNA LETTRICE, RIBADENDO CHE LA RISPOSTA SOTTO FORMA DI ARTICOLO RAPPRESENTA L’UNICA FORMA DI ASSISTENZA TECNICA POSSIBILE (ESCLUSE OVVIAMENTE LE RICHIESTE DI INCARICO FORMALE).

Buongiorno Architetto, mi rivolgo a lei nella speranza di sapere qualcosa in più rispetto alle case in legno, a parte quello che si può leggere nei vari blog.
Mio marito e io siamo prossimi alla pensione (almeno lui) e sapendo che gli anziani in Puglia stanno abbandonando gli uliveti e desiderando noi andare vicino al mare col terreno, per poter salvare più animali possibile e con la possibilità di mantenerci coltivando i suddetti uliveti, ci siamo ritrovati con l’emergenza casa da costruire.
Non possiamo spendere molto e questo è stato il primo motivo che ci ha spinti verso la ricerca di una casa prefabbricata; in seguito, approfondendo, abbiamo visto che di tipologie ce ne sono molte e di conseguenza anche di prezzi.
L’idea di una casa di legno ci sorride ma temiamo la spesa, tenendo conto che la casa sarebbe di circa 100 mq, tutta su 1 piano e possibilmente con molte grandi vetrate, tetto piano, pannelli fotovoltaici, 1 bagno, aria condizionata, stufa per l’inverno, ben isolata.

A noi piacciono molto quelle case minimal che si vedono nel Nord Europa, magari lei potrà proporci qualche modello.
E’ possibile secondo lei avere un’idea del costo?
Mi rendo conto che sarebbe un preventivo molto approssimativo, ma da qualche parte bisogna pur cominciare!
Sarebbe meglio un prezzo chiavi in mano, compreso la platea, il progetto, gli impianti, ovviamente esclusi gli oneri di urbanizzazione.
Lei potrebbe incaricarsi della progettazione?


Parto dal fondo.
Ringraziandola per aver pensato al sottoscritto, non posso progettare la sua abitazione poiché la distanza eccessiva penalizzerebbe un servizio professionale adeguato.
Il progettista deve rapportarsi al luogo, alle normative ed ai regolamenti locali, colloquiare con gli uffici tecnici, essere presente costantemente in cantiere.
Internet fornisce un mezzo di comunicazione formidabile a tutti noi, ma deve supportare il contatto umano.
In questa settimana ho acquistato online uno smartphone (da Bologna) ed un viaggio in Europa (da Milano), nonché plottato un intero progetto (da Roma).
Se in tutti questi casi la distanza fisica è stata cancellata, il progetto e la direzione lavori di un edificio rappresentano un servizio che richiede una presenza concreta del tecnico a fianco del proprio committente.

Per conoscere il prezzo di una casa in legno dobbiamo avere un progetto (una bozza può bastare per un indicazione, non di più).
Il preventivo viene redatto dal costruttore, direttamente o tramite agente, contattabile tramite i numerosi siti internet (molti nominativi li potete trovare anche all’interno di queste pagine).
Il progettista è solitamente in grado di fornire al proprio cliente i costi di tutte le figure tecniche necessarie per la presentazione della pratica edilizia e le competenze di legge, oltre al preventivo delle opere di fondazione.
Comprando una casa in legno, il risparmio è soprattutto nell’eccellente resa energetica dell’involucro edilizio che consente di abbassare drasticamente le bollette di luce e gas.
Il prezzo di acquisto, soprattutto se la casa è chiavi in mano, non si discosta molto dalle costruzioni tradizionali, con il vantaggio di un importo certo e bloccato.

2 Commenti

  1. Avatar
    Anonymous novembre 09, 2011

    Confermo quello che ha detto l architetto. anche a me piaceva una casa in legno ma avevo costi limitati, su carta era possibile ma solamente dopo aver fatto un progetto e dei preventivi ci siamo resi conto che l operazione era a dir poco impossibile, sicché siamo tornati alla cara e vecchia muratura risparmiando qualche decina di migliaia di euro e avendo cmq una casa isolata.
    ps fatevi un progetto solo così saprete i costi, se poi la faccenda non andrà a buon fine avrete buttato via 1000 euro ma non sarete presi con l acqua alla gola

  2. Avatar
    Anonymous dicembre 14, 2012

    Scarsini 1000 € per un progetto ben fatto (anche se preliminare).
    Per avere un preventivo corretto ed affidabile sarebbe necessario valutare, oltre alla composizione architettonica ed alla distribuzione interna, anche tutta la dotazione impiantistica che nelle case ad alte prestazioni assume un ruolo importantissimo e rilevante anche economicamente, per non parlare della progettazione delle schermature solari delle aperture (che dovrebbero essere integrate nel progetto architettonico) che su questo tipo ti abitazione sono quasi più rilevanti dell’impianto di riscaldamento.
    La morale è semplice, risparmiare sulla progettazione è sempre controproducente. Se si decide seriamente di fare una casa, bisogna avere un terreno ben preciso (anche solo da acquistare ma comunque ben definito), trovare un tecnico preparato (a 360°: involucro, impianti e non ultimo composizione architettonica) e non che sa fare lo schizzetto per 1000 €, e solo dopo parlare di soldi per realizzare l’opera.
    Ricordate che se siete seriamente intenzionati a farvi la casa le spese per una buona progettazione sono il miglior investimento e soprattutto una volta fatta torna buona fino alla realizzazione. Se poi si vuol giocare a “mamma casetta” allora è un’altra cosa, a quel punto i 1000 € conservateveli che troverete un uso migliore visto anche il “momentaccio” storico.
    saluti a tutti ed in bocca al lupo per la vostra nuova casa!
    Max (architetto)

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *