CASE PREFABBRICATE: LUOGHI COMUNI E PREGIUDIZI

CASE PREFABBRICATE: LUOGHI COMUNI E PREGIUDIZI

UN ALTRO VECCHIO ARTICOLO SULLE CASE PREFABBRICATE CHE INQUADRA IL VERO LIMITE ALLA DIFFUSIONE DELLE CASE IN LEGNO NEL NOSTRO PAESE.
LE CASE DI LEGNO A BASSO CONSUMO RAPPRESENTANO UNA RISPOSTA OCULATA, MODERNA ED EFFICIENTE ALL’ESIGENZA DI COSTRUIRE EDIFICI ECOLOGICI A RISPARMIO ENERGETICO.

Ammettiamolo, cominciamo a saperne parecchio sulle case prefabbricate a risparmio energetico, il settore ci appassiona e siamo sempre più convinti che possano risultare la soluzione alle nostre esigenze abitative.
Ma parenti ed amici fanno il possibile per farci cambiare idea.


Vai ad abitare in un prefabbricato?
Una vera casa deve essere in muratura.
E se poi la devi rivendere, chi te la compra?
E se prende fuoco?
Capisco se fossimo in montagna.
Chissà come sarà tra pochi anni.
Ho sentito che le assicurazioni non coprono il rischio.
Però le puoi costruire su un terreno non edificabile.
Costano poco.
Costano tanto.
E se l’isolante cede con il tempo?
Se poi si tarlano?
Se ci va addosso una macchina?
Se viene un terremoto?
Ci potrò appendere i pensili?
Non mi sembrano solide.
Vedrai, si svaluterà tantissimo.


Dubbi e perplessità sono legittimi ed auspicabili, quando ci si avvicina a qualcosa che non conosciamo, ma logica vorrebbe che un sano scetticismo fosse accompagnato da un’adeguata apertura mentale.
Il termine “case prefabbricate” nell’immaginario collettivo richiama alla mente l’immagine di qualche fatiscente capannone industriale e ci insinua un senso di precarietà che mal si addice all’idea di casa, solida e duratura che tutti noi abbiamo in mente (a maggior ragione per la nostra).
Lo stesso dicasi per l’espressione “case in legno”, che fa così chalet di montagna (o peggio ancora capanno per gli attrezzi da giardino).
Se avete avuto la pazienza di leggere gli altri miei articoli, sapete che mi sono soffermato lungamente sui pregi si questo tipo di strutture e che si potrebbe liquidare la questione come superficiale e non meritevole di approfondimento.
Mi limito a lanciare qualche piccolo spunto di riflessione che dovrebbe comunque spazzare via
molti dubbi e preconcetti.

Sappiamo che la certificazione energetica degli edifici è oramai un obbligo di legge.
Supponendo che un giorno dobbiate vendere la vostra abitazione in legno, tale certificato sarà uno dei documenti da includere obbligatoriamente nell’atto notarile.
Vale di più una casa male coibentata o una ad alto isolamento termico? Molte abitazioni si deprezzeranno proprio a causa della loro scarsa classe energetica, a prescindere dalle pregiate finiture e dagli alti costi pagati all’atto dell’acquisto.
La legge italiana obbliga le imprese a rispondere per 10 anni dei difetti di fabbricazione degli edifici.
Quasi tutte le aziende serie di case prefabbricate vi danno una garanzia pluridecennale.
Non significa che tra 3 decenni la nostra abitazione sarà da demolire, ma che la ditta crede a tal punto alla solidità della costruzione, da potersi permettere di rispondere per un tempo lunghissimo a qualsiasi problema strutturale che non dipenda da un cattivo utilizzo dell’abitazione da parte nostra.

Il legno è un materiale che è sempre stato usato tradizionalmente negli edifici, a tutte le latitudini.

Forse la nostra stessa abitazione possiede solai e tetti a struttura lignea.
Chi ha avuto occasione di visitare Amsterdam, Stoccolma o altre città del nord Europa avrà sicuramente notato che gran parte degli edifici storici di epoca medioevale sono in legno ed appaiono perfettamente conservati (basta anche fare un giro a Bolzano o nei paesi dell’Alto Adige per vedere molti palazzi con struttura lignea a vista in facciata).
Anche Venezia è un esempio in cui il legno è il materiale da costruzione principale, dalle fondazioni alle strutture.
Proviamo forse un senso di precarietà ammirando i palazzi sul Canal Grande?
L’elemento innovativo che distingue le case prefabbricate in legno da quelle tradizionali sta fondamentalmente nella parete esterna. pazzati via i luoghi comuni, qui risiede il semplice cuore tecnologico di queste strutture, in grado di garantire efficienza energetica, stabilità, durata, qualità antisismiche e grande portata (70 kg/mq, nessun problema con pensili, mensole e quadri). Il tutto con uno spessore ridottissimo di circa cm.30.
Pensiamoci quando qualcuno ci consiglierà l’impresa del cugino dell’amico.

4 Commenti

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *