DUBBI SULLE CASE PREFABBRICATE

DUBBI SULLE CASE PREFABBRICATE

LE CASE PREFABBRICATE IN LEGNO MERITEREBBERO MAGGIORE DIFFUSIONE NEL NOSTRO PAESE.
LE NORMATIVE (E IL BUONSENSO) SPINGONO VERSO IL RISPARMIO ENERGETICO E LA BIOEDILIZIA, MA IL CLIENTE ITALIANO TENTENNA.


Vogliamo costruire una nuova casa, la prima idea era quella di orientarci su una casa tradizionale, ma adesso, grazie anche al suo blog, stiamo valutando di spostarci su una prefabbricata in legno.
I dubbi sono però quelli “comuni”:
Come si comporterà l’intonaco dopo alcuni anni, visto che il legno si sa che “lavora”?
Si può fare qualcosa se per caso dovesse entrare acqua e marcire il legno?
Quanti anni dura la casa?
Leggendo il suo blog e parlando con diverse persone ho già avuto in parte risposta a queste domande e da quello che ho capito non vi sono grosse differenze rispetto alle case tradizionali riguardo questi punti.


I dubbi, appunto sono quelli comuni.
Il legno sembra un materiale poco indicato per costruire, dimenticando che le case tradizionali sono realizzate in gran parte con questo materiale.
Solai, tetti, finestre, porte, pavimenti.
Venezia (chi l’avrebbe detto) è soprattutto una città di legno e di certo il problema dell’umidità non è questione di poco conto in quel luogo.
L’architettura delle città del nord Europa si basa sull’utilizzo massiccio di questo materiale, anche in località dove l’acqua circonda gli edifici e satura l’aria (pensiamo all’Olanda).
Giungono a noi in ottimo stato edifici di epoca medioevali a pareti lignee, ma luoghi comuni e pregiudizi, con il “disinteressato” aiuto della lobby dei costruttori tradizionali, spingono a relegare le case prefabbricate in legno tra le strutture inaffidabili, precarie e poco durevoli.


Come si comporterà l’intonaco, dato che il legno “lavora”?
Suppongo si sgretolerà permettendo l’ingresso di ogni genere di tarlo o termite.
Famigliole di topi scorrazzeranno nelle pareti, mentre ragni e serpenti troveranno un caldo rifugio per l’inverno.
Ovviamente spero sia chiaro che una casa in legno è un edificio solido e che l’intonaco, steso sulla rete aggrappante anteposta al cappotto, è assolutamente stabile e duraturo nel tempo.
Ed, altrettanto ovviamente, l’acqua non deve entrare.
Un persistente contatto con l’acqua delle strutture in legno va evitato assolutamente.
La particolare stratificazione dei materiali nella parte delle case prefabbricate è studiata (come lo stesso attacco al suolo dei muri dell’edificio) per impedire pericolosi ristagni d’umidità.
Chiaramente anche l’isolante interno alle pareti non deve bagnarsi, in quanto perderebbe buona parte della propria capacità coibente.
Quanti anni durano allora le case prefabbricate? Trenta, non appena scade la garanzia vanno demolite.


Al di là degli slogan, l’aspettativa di vita delle case in legno deve essere la medesima delle abitazioni tradizionali e può essere stimata in cento anni.
A proposito della decantata durata delle case in muratura, invito semplicemente a considerare lo stato del patrimonio immobiliare risalente agli anni ’70 (evitiamo per decenza di parlare delle abitazioni del dopoguerra). Sono edifici di 30-40 anni, un tempo relativamente breve, ma quasi sempre in uno stato di conservazione carente, se non al prezzo di costosi interventi di ristrutturazione.
Un edificio ristrutturato riprende vita, ma va considerato come un fabbricato di nuova costruzione.
Se ci riferiamo ad edifici “originali” dell’epoca, molte delle teorie della lobby del mattone appaiono quantomeno forzate.
Le case prefabbricate hanno i loro limiti ed i loro difetti.
Le aziende, anno dopo anno, propongono modifiche ed innovazioni interessanti che ampliano il campo di applicazione delle case in legno e che offrono al cliente libero da pregiudizi prezzi sempre competitivi in rapporto alle notevoli prestazioni energetiche raggiungibili.

2 Commenti

  1. Avatar
    Marco giugno 21, 2010

    un’altro piccolo dubbio è questo:
    ma se per un qualunque motivo si dovesse rovinare una parete in un punto (interna o esterna) come è possibile ripararla?
    un muro lo rifai con un po’ di cemento, ma una parete complessa come quella in legno è facilmente riparabile o no?

Commenta

La tua mail non verrà pubblicata. *